Il mondo visto da un'orecchie a punta

The Hobbit: The Desolation of Smaug – Nuovo trailer (e fangirleggio selvaggio)

In questo momento, il mio fangirleggio sta toccando vette inimmaginabili. Questo trailer racchiude tante delle cose che più adoro al mondo e non so nemmeno da che parte iniziare. Nonostante Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato, si sia rivelato in parte deludente (anche se tutto sommato, a me il film piace), nonostante l’inserimento di un personaggio inesistente come Tauriel, nonostante quindi, le perplessità sulle scelte di Jackson che fanno pensare che questa trilogia sia più che altro un prodotto commerciale, non vedo l’ora che arrivi quel 12 Dicembre 2013 per potermi accomodare in una sala del cinema e godermi questo secondo capitolo sul grande schermo.

In qualsiasi modo lo si tratti, Tolkien è Tolkien, e l’immensità di ciò che ha scritto e che ci ha lasciato non si discute. Senza contare che film fantasy fatti bene non ce ne sono a parte proprio i film di Jackson, per cui anche se fose stata la versione cinematografica della saga di Landover (che proprio non riesco a farmi piacere), sarei corsa al cinema fremente, perché è fantasy.

Detto questo, trattandosi de Lo Hobbit, non vedo l’ora di vedere questa parte del libro, perché è una di quelle che mi è piaciuta di più: le parti iniziali sono sempre meno adrenaliniche, mentre questa mostra l’incontro/scontro con gli elfi e la durezza di Tranduil che rifiuta ancora una volta di dare aiuto a Thorin, mostrando quanto l’inimicizia tra nani ed elfi sia profondamente radicata e senza speranza di essere eliminata (a parte il caso di Legolas e Gimli, un centinaio [?] di anni dopo). E inimiciza a parte, gli elfi… gli elfi sono sempre uno spettacolo da vedere. Già nel trailer si nota come Jackson si sia soffermato molto di più sul combattimento acrobatico ed elegante elfico: nel Signore degli Anelli alla fine dei conti, le acrobazie erano solo sulle spalle di Legolas, mentre qui c’è un intero esercito che può darci prova delle proprie abilità e della propria destrezza, quasi allo stesso modo in cui George Lucas ha mostrato la bellezza del combattimento Jedi nella trilogia prequel di Star Wars. A parte quelle sopracciglia profondamente nere sotto chiome profondamente bionde, che proprio non riesco a tollerare, gli elfi sono una delizia da guardare e a metà trailer già ero in brodo di giuggiole all’idea di vederli in azione all’interno del film!

Oltre agli elfi, in questo film incontriamo gli umani di Dale che a loro volta osteggiano Thorin, aumentando la tensione e il desiderio di arrivare fino in fondo, soprattutto una volta giunti ad un passo dalla montagna. Si vede anche l’orso di Beor, altro personaggio che ho adorato e che non vedo l’ora di vedere…
Ed è a questo punto che giungiamo al meglio: Gandalf in ogni sua apparizione sarà sempre il mio preferito e Bilbo ora ai miei occhi ha una profondità maggiore, perché se Martin Freeman mi aveva già convinto con il primo capitolo, dopo averlo visto all’opera nei panni di John Watson, ora lo adoro più che mai e so quanto sarà un Bilbo Baggins meraviglioso (cosa di cui dà ampiamente prova già nel trailer, soprattutto nel modo in cui affronta un sospettoso Gandalf ed elogia l’ancor più sospettoso Smaug).
Ecco, l’ho nominato.
Smaug.
Il personaggio che più attendevo di vedere.
Adoro i draghi, anche più degli elfi. La mia adorazione verso queste splendide, magiche, orgogliose e terribili creature arriva alle stesse vette della mia inesauribile adorazione per i felini. Ovunque ci sia un drago, fangirleggio senza sosta, l’unica “action figure” (definizione quanto mai impropria) che ho, è proprio quella di un drago, chino sulle sue adorate monete d’oro. Persino quando si tratta di una creatura profondamente malvagia, io parteggio sempre e comunque per il drago. Sono incondizionatamente e irrevocabilmente innamorata di loro.
Infatti la fine del primo film, in cui di colpo si apre l’occhio splendido di Smaug, mi ha coperto di brividi, senza contare il primo trailer del secondo capitolo, in cui alla vista del suo volto e del suo respiro, sono saltata sulla sedia dalla gioia.
E adesso, sapendo oltretutto CHI dà la voce al drago, e dopo aver visto COME gli ha dato quella sua voce già splendida, ma che nell’impersonazione di Smaug è diventata ancora più bassa e cavernosa, i miei brividi hanno toccato vette che sfioravano lo svenimento da troppa eccitazione!
Ma l’avete sentito????!!!
È letteralmente DIVINO!!!
Oh Cielo, non vedo l’ora, non vedo l’ora!!! Quella voce mi ucciderà, lo so, soprattutto in questo film, perché non è solo la voce, stiamo parlando di SMAUG! Il drago che ha catturato Erebor, il drago che da anni vive indisturbato sotto la montagna perché tutti lo temono, il drago capostipite di tutti i draghi malvagi del fantasy. Smaug è IL DRAGO, e la sua è LA VOCE; non poteva esserci un binomio più perfetto di così!
(senza contare che quella voce, darà vita anche a Sauron, o meglio il Negromante, così come si presenta in questo periodo, in cui il suo occhio non si è ancora presentato nel suo pieno ed oscuro potere)

Detto questo, io ora come faccio ad attendere fino a Dicembre???? COME????
*me si prepara a riguardare il trailer senza sosta*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...