Il mondo visto da un'orecchie a punta

Berserk Movie II – La caduta di Doldrey ||| Post visione + sub ita

Sono terribilmente in ritardo sulla tabella di marcia, considerato che il secondo film di Berserk è uscito in DVD il 5 Dicembre scorso (senza contare che il terzo è stato già mostrato in tutti i cinema giapponesi il 2 Febbraio) poiché solo un paio di giorni fa, mi sono finalmente decisa a vederlo. Sono stata troppo presa dall’ansia per l’uscita del live action di Kenshin, e in seguito la ventata russa di Paullina Simons si è presa tutto ciò che restava di me, relegando nel dimenticatoio quel film, che tanto attendevo di vedere.

O forse, una parte di me non voleva affrontarne la visione, perché avrebbe comportato scontrarsi nuovamente con la caduta del Falco, momento che segna l’inizio della tragedia.

E infatti, nel momento in cui finalmente mi sono decisa a dare la dovuta attenzione a questo film, si è riscatenato in pieno l’amore per questa storia e la sofferenza per il momento drammatico con cui si è concluso questo secondo capitolo, ben sapendo che il prossimo sarà tre volte peggio ç_ç.
main menu

Ma andiamo per gradi. Questo secondo film è una meraviglia per gli occhi.

Non ho fatto altro che godermi la sublime animazione per tutta l’ora di durata, e in alcuni punti, sono stata letteralmente con i cuoricini nelgi occhi e la bava alla bocca, per il modo morbido e naturale in cui Gatsu e Caska si muovevano. Vale la pena di vederlo solo per gustarsi quest’animazione sopraffina, altro che Pixar! Gli occidentali dovrebbero inchinarsi davanti ai realizzatori degli anime giapponesi: LORO usano ancora i disegni e li uniscono al CGI in maniera sublime. *_*

Detto questo passiamo alla trama. È inutile spiegare a che punto siamo, perché credo che tutti conoscano gli eventi narrati in questo secondo film, ma questo preconcetto, credo che sia anche alla base di alcune scelte che non mi sono piaciute. Come il precedente, anche questo riporta numerosi tagli alla storia, per far sì che tutto entri in un’ora. Ma se nel primo film, la mancanza dell’infanzia di Gatsu e della scena tra lui e Grifis vicino al pozzo (per quanto mi siano mancate), erano tagli abbastanza indolori, in questo secondo me, hanno tagliato momenti davvero importanti che sarebbero dovuti rimanere.
Già nel primo film, si è potuta notare la totale assenza del ministro Phos, e come molti credo, ho pensato che fosse presente solo nel secondo, nel momento in cui Grifis lo minaccia sequestrandogli la figlia, facendo sì che il ministro tradisca la regina, che muore insieme ai suoi consiglieri, per ordine del Falco. E invece, non solo Phos resta mancante, ma è stata eliminata TUTTA LA SCENA della finta morte di Grifis con successivo assassinio della Regina! O_O
E precedentemente, è stato tagliato anche il racconto di Caska realtivo a quando Grifis si è venduto a Genon per denaro, risparmiando alla Squadra dei Falchi qualche battaglia (e qualche morte), e di quanto fosse disgustato di se stesso il giorno dopo, per ciò che aveva fatto. Questo particolare è ripreso solo nel breve dialogo che si scambiano Genon e Grifisi, prima che il Falco lo uccida a sangue freddo; ma è una precisazione che non lascia spazio alle motivazioni che hanno spinto Grifis a vendersi a quel vecchio pedofilo e quindi appiattisce il suo gesto.

Partendo dal presupposto che io adoro Grifis (almeno prima dell’Eclissi, perché dopo adorarlo è alquanto difficile), e che sicuramente sono di parte, credo che comunque questi tagli decisi dagli sceneggiatori, non abbiano fatto altro che rendere la figura del Falco più piatta e meno contorta. È vero che chi vedrà questi film, sicuramente conoscerà la storia a menadito, ma sicuramente ci sarà anche qualche neofita che non ha avuto modo di leggere/vedere il manga o l’anime orginale. E tutto il rapporto tra Grifis e Gatsu, il modo in cui il Falco si appoggia al Guerriero Nero, i suoi dubbi e le sue strategie intrise di pura fredda crudeltà, sono state tutte cancellate, appiattendo del tutto la personalità di Grifis.

Mi sono piaciute invece, alcune variazioni apportate in determinate scene: anche se ho il sospetto che gli sceneggiatori abbiano voluto rimarcare la presenza di corpi femminili nudi nel manga (mostrando molto di più le grazie di Caska e di Charlotte, per la gioia dei maschietti in sala), mi è piaciuto il modo in cui hanno approfondito la scena in cui Gatsu si prende cura di Caska nella grotta, e quella in cui Grifis va dalla principessa per tentare di dimenticare l’abbandono del Guerriero Nero, seducendo Charlotte. Le lacrime del Falco non erano presenti nel manga (e di conseguenza nell’anime), ma non fanno altro che sottolineare lo stato di angoscia e il senso di perdita che l’hanno portato a commettere un errore imperdonabile, quell’errore che gli costerà l’intera vita. ç_ç

Ma è la scena del ballo quella che ha portato con sé i cambiamenti più grandi: a parte l’assenza della finta morte di Grifis (che proprio non mando giù), è stata una piacevole sopresa vedere tra gli invitati, Farnese e Serpico. È un cameo di pochi secondi, ma è un dettaglio che getta un ponte di comunicazione tra la parte del flashback e la storia che si svolge in seguito all’Eclisse, rendendo tutto l’arco narrativo, collegato. Per la sopresa ho messo il fermo immagine e ho osservato attentamente quei due per qualche secondo, sorridendo come una scema perché per la prima volta ho potuto vederli animati! *_*

Non vedo l’ora di vederli in azione!

Altra novità che mi ha fatto sorridere (ma anche preoccupare) è stato vedere Caska che trascina Gatsu per ballare! Ho temuto di vederli danzare in perfetta armonia, come i nobili presenti, perché sarebbe stata una scena assolutamente da fantascienza! Quando e come Gatsu avrebbe imparato a danzare? E oltretutto, ce lo vedete il Guerriero Nero, colui che grazie alla sua forza, brandisce una spada enorme ed è capace di uccidere cento uomini di fila, che danza amabilmente con grazia ed eleganza? MA ANCHE NO! E infatti per fortuna, il loro “ballo” non è altro che vedere Caska attaccata al braccio di Gatsu, che gli gira intorno. Messa così, la scena è stata davvero gradevole, perché era del tutto fattibile e ha portato anche un piccolo momento tutto per loro, durante quei giorni in cui la guerriera inizia a cambiare atteggiamento verso il suo antagonista di sempre. E quella transizione dal sorriso alle lacrime prima di cambiare scena, mette una certa malinconia, perché è come se le lacrime di Caska, non fossero altro che la predizione di ciò che sta per avvenire. ç_ç

Inutile dire che tutta la scena dell’addio di Gatsu, dal confronto con Grifis fino alla fine, mi ha fatto malissimo. Magone, lacrime a non finire e la tristezza totale si sono impadroniti di me, dal momento in cui Grifis è stato battuto, giacendo sconvolto nella neve, fino al momento in cui il Re lo frusta e ordina a quello sgorbio nelle segrete, di torturarlo in ogni modo possibile e immaginabile, premurandosi comunque di lasciarlo vivo, in modo che possa soffrire più a lungo possibile.

Sono rimasta talmente turbata, intristita e angosciata, che dopo aver finito di guardare il film, ho risfogliato le pagine di Berserk relative a quel momento della storia, ripercorrendo sia quel momento drammatico appena visto, che tutto ciò che avviene in seguito, fino alla liberazione del Falco (parte a dir poco straziante). Credo che questa parte, sia quella che mi ha fatto amare definitivamente Berserk; ricordo ancora quando vidi la scena del’addio di Gatsu nell’anime, quando Italia Uno lo trasmetteva a notte fonda (cambiando sempre l’orario -_-‘).

Ricordo quanto mi rimase impressa allora, quanto vedere Grifis perdere il suo straordinario autocontrollo a causa di Gatsu, mi avesse colpito. Perché nonostante il Falco avesse mostrato la sua complicità con Gatsu, nonostante avesse dichiarato apertamente che il Guerriero era di sua proprietà, vedere quanto la perdita di quel componente della sua Squadra, sia stato uno shock profondo, al punto da fargli commettere un errore imperdonabile, del tutto fuori dal suo controllo, è stato un bel colpo di scena, perché non avrei mai pensato che Gtifis potesse avere un punto debole simile. Si sono spese parole su parole sul suo attaccamento a Gatsu e molti lo classificano semplicemente come amore. Io ovviamente non sono d’accordo, perché ciò che Grifis sente per Gatsu non è semplice amore, è qualcosa di più oscuro, più morboso, più radicato. Ed è un legame che per quanto sia insano, mi commuove.

(E ringraziamo sempre i gemelli Majere che mi hanno resa debole a questi tipi di legami)

Questa è la forza principale di Berserk, ed è questo che più ho amato di questo manga: i forti legami che i protagonisti instaurano tra di loro. Al di là della cornice dark fantasy, a rendere tutto speciale e assolutamente una perla della produzione cartacea giapponese, è proprio il corollario di legami forti, oscuri, e contrastanti, che guidano le azioni dei personaggi. Non vedo l’ora di vedere anche il terzo capitolo, nonostante sarà quello più sofferto in assoluto, e non vedo l’ora di vedere anche il resto, nonostante dopo l’Eclisse, si sia perso tantissimo dell’atmosfera cupa, ma terribilmente poetica e affascinante di Berserk.

E dopo questo papiro immane di deliri e pseudo recensioni, eccovi il link per scaricare il film con i sottotitoli italiani. Cliccate sull’immagine per accedere ai files.
berserkmovie2

Grazie al forum Neomangadestiny, per aver subbato questa perla d’animazione giapponese *_*

Buona visione! 😀
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...