Il mondo visto da un'orecchie a punta

the GazettE – Miseinen (ed io mi commuovo!)

In tutti i posts relativi a questa canzone, ho letto di fan commossi e di magoni improvvisi. 
Non essendo una ballad, non riuscivo a comprendere il motivo per cui questa canzone fosse così commovente. Poi ho visto questo video e mentre scorreva il testo, ho compreso che parlava del vivere in solitudine, contando solo su se stessi e ho capito che avesse un senso profondo. 
Ma quando verso la fine del video, Ruki inizia a commuoversi  al punto da non riuscire a cantare e dopo aver letto nei commenti, che questa canzone è stata scritta in merito al fatto che i genitori del vocalist l’abbiano disconosciuto, allora ho capito il perché smuova tanta tristezza. 
Non ho ancora capito il motivo per cui sia stato allontanato da chi l’ha messo al mondo, ma è una cosa che un genitore non dovrebbe mai fare. Per fortuna Ruki ha i ragazzi della band e il suo pubblico, che gli donano amore ma l’appoggio dei genitori, quell’appoggio che nelle lyrics, spera di riuscire ad avere in un’altra occasione, quello gli mancherà sempre. 

Povero cucciolo, ha commosso anche me!

Lyrics

Miseinen

 

Gamushara ni nanika wo sagashiteta
Tsumazuitemo ii kara maeni
Bakageteru no wa wakatteru,
Tada koukaisenu you hashiru no sa

Shinraidekiru no wa jibun dake de
Nakama nante iranakatta
Nanimokamo ni mukatteita yaiba
Shishun no hane wa moroku hakanai

Tsuyokunaritai hitori de ikiru tsuyosa wo
Hontou wa uragirareru no ga kowai dake
Nigete bakari ja nani hitotsu kawaranai to
Wakatte iru no ni kawarenu boku ga iru

Hokorashige ni kazashiteta kodoku to iu [puraido] wa
Yakunitatanu risou e to nigeru tame no hane datta
Hokorashige ni kazashiteta jikoshuchou to iu “riot”
Kono hikari no mukou ni wa jiyuu nado nakatta n’da

Tennage bluely days

Areteita mainichi ni oboreteta n’da
Kizuitara kodoku seotteta
Tsurakatta. hontou wa hitori nante ne
Nozonde nakatta n’da

Hokorashige ni kazashiteta kodoku to iu [puraido] wa
Yakunitatanu risou e to nigeru tame no hane datta
Hokorashige ni kazashiteta jikoshuchou to iu “riot”
Kono hikari no mukou ni wa jiyuu nado nakatta n’da

Tsuyogatte bakari ja hontou no kao wasurechau kara
Tama ni chikara wo nuite dareka ni tayoru koto mo daiji desu
Kizutsuite, kizutsuite, kizutsuite, nakitai toki wa
Oozora ni mukatte oogoe de sakende mite

(i dont want to forget to myself)
(i want to be my again)

Konna yowai boku no tame ni senaka oshite kureta
Chichi ya haha ya nakama no hagemasu koe ga boku ni hikari kuremashita

Hokorashige ni kazashiteta kodoku to shishunkizu wa
Yakunitatanu risou e to nigeru tame no hane datta
Aoku hareta ano sora ni jiyuu ga aru to suru nara
Kono hokoritakaki hane ga chigiretemo kamawanai
Boku wa hashiridashiteta gamushara ni sora wo megakete
Hane wo hiroge tobitatta rakka ten wa “jiyuu” na no dato
Subarashiki kazoku wo mochi subarashiki nakama wo motte
Saikou no hibi datta umare kawattara mata aou…

Minorenne

 

Avventatamente, ho cercato qualcosa.
Va bene anche se così sbaglio
So che sono sembrato sempre uno stupido,
Voglio solo correre avanti senza rimorsi.

L’unica cosa in cui posso credere è me stesso
I compagni sono piuttosto superflui
La lama che affronta solo il niente
Le fragili ali della pubertà non possono prendere il volo.

Voglio diventare più forte; avere la forza di vivere solo.
La verità è che ho solo paura di essere tradito
Non puoi cambiare niente, solo correre lontano;
Questo ho capito ma, il me che non può essere cambiato esiste.

La trionfale solitudine adornata, chiamata ORGOGLIO,
Era solo un’ala usata per scappare da ideali inutili.
La trionfale autoaffermazione adornata, chiamata RIVOLTA,
Dietro questa luce, non c’è libertà.

Nei giorni tristi dell’adolescenza, ho ricordato i giorni tempestosi,
E realizzato il fardello della solitudine che trasportavo.
Ero stanco. In verità sono solo solo,
E non lo desidero.

La trionfale solitudine adornata, chiamata ORGOGLIO,
Era solo un’ala usata per scappare da ideali inutili.
La trionfale autoaffermazione adornata, chiamata RIVOLTA,
Dietro questa luce, non c’è libertà.

Agire da persona forte ti fa solo dimenticare la tua vera faccia, così
È importante estrarre potere e dipendere da qualcuno una volta ogni tanto.
Essere ferito, essere offeso, essere danneggiato;
Durante le volte in cui hai voglia di piangere,
Affronta il vasto cielo e piangi più forte che puoi.

(Non voglio dimenticare me stesso)
(Voglio essere così come sono)

Debole così come sono, mi hai insegnato la tua schiena per il mio bene.
Le grida d’incoraggiamento di mio padre, madre e amici mi hanno dato la forza

La trionfale solitudine adornata e le ferite della pubertà
Erano solo ali, ussate per fuggire da ideali inutili.
Se c’era libertà in quel cielo blu senza nuvole,
Non fa differenza se queste ali di orgoglio sono ridotte in brandelli.
Ho iniziato a correre avventatamente, puntando al cielo.
Se apro le mie ali e prendo il cielo, il punto in cui cado è “Libertà”, suppongo.
Ho una famiglia meravigliosa, così come degli amici splendidi.
Se i giorni migliori, torneranno ancora, ci rivedremo tutti allora…

Lyrics

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...