Il mondo visto da un'orecchie a punta


Ultima

Sette anni… ho perso sette anni in cui avrei potuto dare il mio sostegno, in cui c’era bisogno di me, in cui avrei potuto vivere una vita più piena… li ho persi perché sono una stupida.
La vita però sa sorprenderti e ridarti un’altra opportunità.

25 Maggio

È triste farti gli auguri e non essere lì con te, ma è bellissimo poterti rifare gli auguri.

Pessimismo & Fastidio

Ci sono giorni come questo, in cui mi sento infastidita, demoralizzata e negativa su tutto e questo stato d’animo pietoso influenza tutta la mia giornata, perché mi fa passare la voglia di fare qualsiasi cosa. Così ora sono al pc, con tante cose in attesa di essere completate, ma io gironzolo per i social, perché la mia negatività m’impedisce di concentrarmi. E butto al vento il tempo libero, atteso per tutta la settimana.
Olè.

13

Grazie WordPress per aver cancellato tutto il papiro che avevo scritto.

Da una settimana mi sto facendo del male con Thirteen Reasons Why: ho guardato la serie, ho sofferto, ho letto il libro, ho sofferto di nuovo (ma meno intensamente), e credo proprio che rivedrò la serie a breve.
Ho un debole per le storie di adolescenti tristi, forse perché anche io sono stata un’adolescente depressa, o perché non ho vissuto l’adolescenza come avrei voluto; ma questa è soprattutto una storia di dolore, di incomprensioni, di cattiverie fatte con superficialità verso persone troppo fragili per sopportarle, è la storia di un fragile amore che non ha saputo esprimersi, che ha avuto paura, e che non è riuscito a essere la speranza a cui aggrapparsi in quel mare di dolore.
È una storia che ti lascia tanto amaro in bocca, tanta malinconia piena di “Se”, perché la tragedia forse poteva essere evitata, “se”…
È una storia che è la storia di noi adolescenti timidi e depressi, e di noi adolescenti crudeli e superficiali, è la storia di noi esseri umani che ancora una volta, intrappolati nelle nostre paure del giudizio altrui, non riusciamo a essere sinceri e non riusciamo a essere comprensivi. E qualche volta, a causa di questa incapacità, qualcuno smette di lottare troppo presto.
Se avete visto la serie (che oltretutto è nettamente più bella e approfondita del libro, caso più unico che raro), strappatevi il cuore insieme a me, con questi video.



I’m not ready at all.

Non sono pronta ad affrontare l’idea che sia finito Sherlock. Non sono pronta all’idea che sia finito del tutto.
Voglio svegliarmi sapendo che dopo un’attesa estenuante, rivedrò ancora i miei ragazzi in quel di Baker Street al 221B, nuovamente all’opera su casi complicati e incomprensibili. Non sono pronta all’idea che tutto sia finito, per sempre.
E non sono minimamente pronta all’idea che stia per iniziare una nuova settimana.
#noncelapossofare

It is what it is

Domenica 8 Gennaio, la BBC ha trasmesso il secondo episodio della quarta stagione di Sherlock.

Leggi il resto di questa pagina »

Ego sum Sherlocked, ergo patisco.

È da ieri sera, da quando ho visto questi 40 secondi, che patisco…
Per non farmi prendere dall’ansia, in attesa delle tragedie che mi aspettano dal 1° Gennaio, ho letto I sei Napoleoni e Il Detective morente,  i due racconti di Conan Doyle su cui si basano i primi due episodi della 4° stagione (The Six Thatcher e The Lying Detective), per potermi illudere di avere un minimo di controllo e conoscenza delle trame. Ma ovviamente, non basta. Non quando sai di essere nelle eccelse e malefiche mani di Moffat e Gatiss.
-3 settimane all’alba.
#soffro